Il Sistema

Nuove Competenze Trasversali

Scopri

Il Format

Un modello innovativo e sfidante

Scopri

I Corsi

5 Corsi di Alta Formazione Manageriale

Scopri

Il Contesto

Viviamo nell’epoca delle connessioni, del fare rete, della simbologia immaginale.
Il nostro cervello funziona per connessioni. La società della Conoscenza si alimenta di connessioni.
Le donne sono molto brave in questo, perché naturalmente portate a contaminare, a riutilizzare, a integrare il pensiero.


Per affrontare la formazione manageriale con una logica evolutiva e realmente proiettata al futuro, occorre allora dotarsi di strumenti trasversali che ci consentano di aprire la mente a nuovi mondi, ma anche attivare quella gender sensivity che consente, in ogni contesto, di includere, diversificare e quindi rendere poliedrica la visione del sistema.


È quello che si dice mind-set digitale, ovvero quella flessibilità mentale che faccia da ponte all’uso di diversi linguaggi nel mondo manageriale.
Pensiamo al valore della narrazione letteraria per lo story telling, all’utilizzo delle metodologie digitali per affrontare e risolvere in modo agile i progetti, al tema del corpo e del cibo come vincolo e come rischio identitario, alla simbologia dell’arte come veicolo di creatività e di attivazione di processi innovativi, all’educazione finanziaria come risorsa per la gestione dei capitali economici.


Affrontare tutte queste visioni, traducendo in competenze trasversali gli output che ci vengono forniti, significa attivare un nuovo paradigma in cui possiamo realmente essere tutti connessi.

Il Sistema

5 Corsi di alta formazione manageriale pensati per valorizzare il talento delle donne ma anche adatti a creare una gender sensivity

Il Format

  • 5 Corsi di alta formazione manageriale pensati per valorizzare il talento delle donne ma anche adatti a creare una gender sensivity
  • Ogni corso sarà condotto in co-docenza con la partecipazione di esperti che porteranno il punto di vista del mondo di riferimento
  • La formazione sarà altamente esperienziale per tradurre i linguaggi in pratiche e in competenze utilizzabili nel quotidiano
  • Un’esperienza divertente, che favorisce i processi di acquisizione di meta-competenze
  • Un modello innovativo e sfidante sia per le aziende che per i partecipanti
  • La creazione di una community interdisciplinare da cui trarre risorse per fare rete e lavorare sulla gender equality

Epica e organizzazioni: strumenti narrativi per affrontare il cambiamento
 
 

Autonarrazione come strumento di consapevolezza personale e professionale

Scopri

Attivare la creatività e la capacità di innovare

La metafora generativa dell’arte
 
 
 

Scopri

Identità corporea e alimentazione
 
 

Come impostare un corretto rapporto con il cibo per stare meglio in azienda
 

Scopri

Le donne e il denaro
 
 

Gestire i soldi senza sentirsi in colpa
 
 
 

Scopri

Highlights

Epica e organizzazioni: strumenti narrativi per affrontare il cambiamento

Ognuna di noi è portatrice di una storia.
Questa influenza i comportamenti, i rapporti con gli altri e le scelte, anche quelle lavorative.
Raccontare significa prendere posizione sul corso degli eventi passati, dice Zygmunt Bauman, e ogni vita, per diventare lezione, deve essere prima trasformata in storia.
Recuperare la propria storia – personale, professionale, del singolo o dell’organizzazione – permette quindi di selezionare dei punti chiave che si trasformano, da singoli accadimenti, in un percorso di senso, che ha per sua natura una direzione.
Dal punto di vista delle organizzazioni, poi il modo in cui l’organizzazione racconta sé stessa è frutto della cultura organizzativa, quell’insieme di forze potenti e spesso inconsce, che codificano i valori e gli schemi di pensiero e che determinano il comportamento individuale e collettivo.

Mind-set agile, cambiamento e pensiero sistemico: la mente digitale al servizio delle donne

Si parla tanto di approccio manageriale agile e di organizzazioni orizzontali, in cui l’innovazione è costante e i cambiamenti si adattano a tutto il sistema attraverso un processo di apprendimento continuo.
L’obiettivo del lavoro agile è cambiare il punto di vista sulla sequenzialità delle azioni da intraprendere per raggiungere gli obiettivi di progetto e sul coinvolgimento in ogni fase di tutti gli attori.
Una delle tecniche più utilizzate (ma non l'unica) è il metodo Scrum che consente di mettere attività in parallelo, procedere per aggiornamenti costanti e utilizzare il feedback come leva per l’evoluzione dei progetti, tenendo costantemente aggiornati tutti gli attori coinvolti.
Ciò consente alle persone coinvolte di esprimere il proprio talento e le proprie capacità piuttosto che essere controllate e gestite top down.
I team del lavoro agile si autogestiscono, facendo da leader a sé stessi e auto-organizzando le proprie attività secondo una dinamica di leadership diffusa.
Attivare il modello agile come modello di pensiero digitale consente di traslare questo approccio su ogni dinamica (organizzativa e relazionale) in cui è richiesto dal sistema un veloce processo di adattamento e porre le basi per allenare la mente a gestire cambiamenti importanti in modo veloce e fluido.

Attivare la creatività e la capacità di innovare: la metafora generativa dell’arte

Ogni opera d’arte è un prototipo. Nasce da un’intuizione e viene costruita pian piano secondo un processo che usa il pensiero laterale e gli ancoraggi. Innovazione e creatività sono le componenti fondamentali del processo, ma anche la visione olistica e la capacità di fare sistema possono contribuire a rendere l’opera d’arte fruibile ed emozionalmente viva. Guardare la produzione artistica come una produzione di “generatori di innovazione” ci avvicinerà in modo nuovo alla comprensione profonda e non episodica dei meccanismi di creazione del pensiero innovativo e ci metterà in contatto con la “potenza generativa” più o meno latente (soprattutto nelle donne). Inoltre l’Arte è il regno della metafora visiva, da cui emergono diversi modelli del femminile. Osservando il modo in cui l’Arte li incarna, potremo apprendere stili e comportamenti da utilizzare nelle diverse situazioni della vita professionale.

Identità corporea e alimentazione: come impostare un corretto rapporto con il cibo per stare meglio al lavoro

Il cibo è energia per il corpo e per la mente, è nutrimento, è relazione, è affettività, è comunicazione. E dietro al nostro rapporto con il cibo c’è il tema dell’identità corporea: che rapporto ho con il mio corpo? Può questo rapporto influenzare le mie relazioni professionali? Qual è il corretto modo di alimentarmi in azienda? Che emozioni si nascondono dietro la mia identità corporea? Sono condizionata dal mio corpo? Nella nostra società il richiamo all’identificazione con il corpo è molto forte e, soprattutto per le donne, ciò può generare ansia e sentimenti di inadeguatezza (o viceversa comportamenti iper-performanti), anche e soprattutto nel contesto lavorativo, dove non solo ci è richiesto di essere brave, ma anche di essere sempre “sane e belle”.

Le donne e il denaro: gestire i soldi senza sentirsi in colpa

Il denaro nella nostra società è idolatrato e demonizzato insieme. Quanto guadagniamo? Come investiamo i nostri risparmi? Che strategia di crescita abbiamo scelto per il nostro capitale? Meglio investire in immobili o in azioni? Stiamo investendo sul capitale umano dei nostri figli? Il denaro è anche il regno degli stereotipi culturali: è proprio vero che le donne amano meno dedicarsi agli aspetti patrimoniali personali e professionali e hanno una minore propensione al rischio? I bilanci di genere dimostrano quanto è diversa la propensione ad affidare professionalmente risorse economiche a manager donne e uomini. È per questo che è importante creare consapevolezza e cultura finanziaria sia negli uomini, che nelle donne.

Gli Attori

Rossella Cardinale – Direttrice scientifica e formatrice aziendale sulle competenze soft Who is

Mondo Narrativa – Sara Loffredi - Editor, Scrittrice e autrice di libri pubblicati da Case editrici a rilevanza nazionale Who is

Mondo Digitale – Stefano Pistorio - Project Manager Agile – Scrum Master Certified Who is

Mondo Medico – Sara Bertelli - Psichiatra Psicoterapeuta Ospedale San Paolo Milano - Presidente Nutrimente Onlus Who is

Mondo Arte – Giovanna Amadasi – Responsabile Progetti culturali ed Istituzionali di Pirelli Hangar Bicocca Who is

Mondo Finanziario – Beppe Ghisolfi - Vice Presidente del Gruppo europeo delle Casse di risparmio, esperto di educazione finanziaria e autore di numerosi pubblicazioni Who is

Dott.ssa Rossella Cardinale

Ideatrice e Direttrice scientifica del Progetto Connessioni, Coordinatrice della Collezione Lavorare al Femminile di Human Risorse per evolvere
PERFormatrice del Team Human Risorse per evolvere.

Laureata in diritto del lavoro con tesi sulle Pari opportunità, dopo aver maturato una esperienza aziendale manageriale ultra ventennale nel campo dell'editoria e della formazione, oggi collabora, come soft-skills trainer e facilitatore con diverse aziende, Scuole e associazioni, dove tiene corsi sui temi del riconoscimento e della gestione delle emozioni, dell'empowerment e della leadership al femminile.

Fa parte di una rete di formatori che offrono servizi alle aziende sui temi dell'intelligenza emotiva.

È facilitatrice formata alla Pratica collaborativa e membro del Comitato scientifico dell’AIADC - Associazione Italiana Professionisti Collaborativi, secondo gli standard IACP International Academy of Collaborative Professionals.

Coordina per AIAS- Confcommercio (Associazione Italiana ambiente e sicurezza) l’Osservatorio “Donne, innovazione e sostenibilità professionale” e ed è membro del Gruppo “Parità di genere” in seno ad ASvis (Alleanza Italiana per lo sviluppo sostenibile), per la realizzazione degli obiettivi 2030 dell’Agenda Globale per lo sviluppo sostenibile.

È componente per conto di Fondazione Politecnico di Milano del Board internazionale del Progetto Elene4Life (Progetto Erasmus+) per la trasferibilità di pratiche di Active Learning per le soft skills dal contesto aziendale a quello universitario.

È Professional Counselor di formazione psicosintetica iscritta al C.N.C.P. e collabora con l’Istituto di psicosintesi di Milano, coordinando gli “Aperitivi letterari”, conferenze sui temi della crescita personale.

Con l'obiettivo di integrare il lavoro su corpo e mente, pratica e insegna Hatha yoga e Pranayama.

Human mette le risorse Rosa in movimento